Ordinanza convalida Gip: indiscutibile volontà omicidio

28 ott 2019

Non è stato un incidente. Il colpo non è partito accidentalmente, come a più riprese raccontato. No, Valerio Del Grosso ha sparato per uccidere. Lo scrive il Gip, Corrado Cappiello, nelle otto pagine di ordinanza con cui ha convalidato l'arresto del ventunenne e di Paolo Pirino, accusati dell'omicidio di Luca Sacchi. Le dichiarazioni di Del Grosso, scrive il Gip, sono sconfessate dalla dinamica dei fatti di quella sera. Secondo un testimone oculare, l'aggressore, dopo essere stato spinto a terra da Luca, si avvicina a circa due metri e gli spara un colpo alla testa. Circostanza confermata con qualche lieve variante anche da un altro testimone. Per il Gip la volontarietà dell'omicidio appare dunque indiscutibile ed è ancora sulla base delle testimonianze che il giudice nell'ordinanza conferma che Anastasia quella sera è stata aggredita con una mazza da baseball, e sgombera così il campo da qualunque altro scenario. È un amico di Luca a raccontare di aver raggiunto verso le 23:00 Luca e Anastasia nei pressi del pub per trascorrere insieme la serata. Spiega di essersi allontanato e di aver notato una vettura parcheggiare a pochi metri di distanza dalla coppia. Dall'auto scendono due uomini, uno di loro ha in mano una mazza nera. I due gridano alla ragazza di consegnare loro lo zaino e, senza attendere la consegna, uno di loro, Pirino, la colpisce con violenza alla testa. Insieme con Anastasia e Luca quella sera nel pub c'era anche un pregiudicato per reati legati agli stupefacenti. È un amico intimo di Luca, cosi dichiara il testimone, ed è stato proprio quest'uomo ad incontrare per primo i mediatori di Valerio Del Grosso. Potrebbe dunque essere lui il contatto tra Luca, Anastasia e la rete di pusher. L'ordinanza mette in fila una serie di circostanze, anche se restano da chiarire alcuni punti. Ancora da capire dove sia finito il danaro che Anastasia aveva nello zaino, una cifra sostanziosa, forse una sorta di fondo messo insieme da più persone. La ragazza, al momento non indagata, non è stata ancora convocata in Procura per essere riascoltata dal PM.

pubblicità
pubblicità