Palamara si autosospende, Spina si dimette

01 giu 2019

Palamara si autosospende, Spina si dimette, la bufera che si è abbattuta sulle toghe non si placa. Ultimo in ordine di tempo è il consigliere del CSM Luigi Spina, lascia l'incarico. Capogruppo di Unicost, a Palazzo dei Marescialli, indagato dalla procura di Perugia per rivelazione di segreto d'ufficio e favoreggiamento personale, nell'ambito dell'inchiesta sull'ex Presidente dell'ANM Luca Palamara. Accusato di corruzione si era autosospeso dai suoi incarichi di consigliere nell'organo di autogoverno dei giudici e ora lascia. Autosospensione con effetto immediato, invece, per Luca Palamara. "Chiarirò" dice, "il mio intendimento ora è quello di recuperare dignità e onore e di concentrarmi esclusivamente sulla difesa nel processo di fronte a tali infamanti accuse". Le accuse infamanti di cui parla l'ex Presidente dell'ANM sono legate alla corruzione. Palamara è sospettato di aver portato avanti rapporti inopportuni accettando soldi e regali con Fabrizio Centofanti, lobbista arrestato nel febbraio 2018 per frode fiscale in affari con gli avvocati Pietro Amara e Giuseppe Calafiore. Centofanti, Amara e Calafiore sono coinvolti in un'inchiesta per corruzione e compravendita delle sentenze al Consiglio di Stato. Palamara, secondo le accuse, avrebbe ottenuto viaggi, vacanze, gioielli e soldi. In particolare, 40mila euro ricevuti per facilitare la nomina a procuratore capo di Gela di Giancarlo Longo, nomina poi bloccata da Sergio Mattarella, presidente del CSM. "Su di me si stanno abbattendo i veleni della procura di Roma, ma ho la tempra forte" dice, "non mi faccio intimidire. Sto chiarendo punto per punto tutti i fatti che mi vengono contestati perché, ribadisco che non ho ricevuto pagamenti nè regali nè anelli e non ho fatto favori a nessuno", chiarisce Palamara, che sostiene di aver portato le carte, a dimostrazione che viaggi e cene se le paga da solo. La Guardia di Finanza e i magistrati di Perugia hanno perquisito il suo ufficio in procura a Roma, val aglio ora ci sono i file contenuti in uno dei suoi PC. Il CSM ha chiesto alla procura la trasmissione degli atti dell'inchiesta in cui, oltre a Palamara e al dimissionario Spina, sarebbe coinvolto anche il PM Stefano Rocco Fava. Per il prossimo martedì, ha convocato poi un plenum straordinario per affrontare tutta la vicenda.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.