Papa: Meglio chiesa incidentata che ammalata di chiusura

20 set 2020

Meglio una Chiesa incidentata che una Chiesa che si ammala di chiusura. Bergoglio, all'Angelus, riprende un tema caro al suo pontificato, quello della Chiesa in uscita e dice che Dio dà sempre è in uscita, alla ricerca di ogni uomo e la Chiesa deve fare come lui. Perché queste malattie nella Chiesa? Perché non è in uscita. È vero che quando uno esce c'è il pericolo di un incidente, ma è meglio una Chiesa incidentata per uscire, annunciare il Vangelo, che una Chiesa ammalata da chiusura. Il Vangelo del giorno racconta di un padrone che chiama a più riprese operai a lavorare per lui, ma alla fine dà a tutti la stessa paga, che abbiano lavorato dalla mattina o siano arrivati all'ultima ora, suscitando l'irritazione di chi ha lavorato di più. Quel padrone è Dio, spiega Francesco, e la sua logica va oltre la giustizia umana, la sua logica è la grazia perché tutto nella vita è grazia. Ricordiamo chi è stato il primo Santo canonizzato nella Chiesa, il buon ladrone. Ha rubato il cielo nell'ultimo momento della sua vita.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.