Papa: "Stop lavoro nero!" E prega per giornalisti

06 mag 2020

Saluto tutti… Il coronavirus, le sue conseguenze e quello che potrebbe insegnarci. Udienza generale dedicata alla preghiera, è la bella espressione che “l'uomo è un mendicante di Dio”, dice Francesco e i momenti difficili che stiamo vivendo per la pandemia sono favorevoli per riscoprire la necessità della preghiera nella nostra vita. “Pregare e gridare per implorare il dono della salvezza”, spiega “non pregare e omertà sul senso della vita”. Al termine, Bergoglio, lancia un appello: in occasione della festa del lavoro, il 1° maggio, ha ricevuto tanti messaggi sul lavoro e i suoi problemi e uno, dice, lo ha particolarmente colpito. È quello dei braccianti agricoli che lavorano nelle campagne italiane, tanti di loro sono immigrati. Purtroppo, tante volte vengono duramente sfruttati. È vero che c’è crisi per tutti, ma la dignità delle persone va sempre rispettata. Perciò accolgo l'appello di questi lavoratori e di tutti i lavoratori sfruttati. E invito a fare della crisi l'occasione per rimettere al centro la dignità della persona e la dignità del lavoro. Durante la messa mattutina il Papa ha pregato per i giornalisti. Preghiamo oggi per gli uomini e le donne che lavorano nei mezzi in comunicazione. In questo tempo di pandemia rischiano tanto e il lavoro è tanto. Il Signore li aiuti in questo lavoro di trasmissione sempre della verità.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast