Peschereccio colpito, le parole del figlio del comandante

07 mag 2021

Nonostante vi fosse la presenza dell'elicottero della Marina Militare Italiana, questa motovedetta è arrivata sottobordo, dove ha iniziato a sparare ad altezza d'uomo, cioè colpendo principalmente l'area di comando di bordo, fra cui è riuscita anche a colpire di striscio, sulla testa, mio padre e che fortunatamente quando l'ho sentito ha detto: sono vivo per miracolo. Perchè anche un proiettile è arrivato, diciamo vicinissimo, è passato vicinissimo alla testa. Ora giustamente, c'è tanta preoccupazione e tanta rabbia anche, perchè diciamo, per andare a lavorare non si può rischiare la vita, è un diritto lavorare in sicurezza.

pubblicità
pubblicità