Peste suina, incenerite 10 tonnellate di carne

22 gen 2020

Il carico sequestrato è stato immediatamente incenerito, quasi 10 tonnellate di carne suina proveniente dalla Cina, potenzialmente contaminata dalla peste suina africana. Il blitz della compagnia della Guardia di finanza di Padova è scattato nella notte in un magazzino all'ingrosso di generi alimentari, proprio nel momento in cui il personale stava scaricando i 9420 chilogrammi di carne suina, introdotta nell'Unione europea passando per l'Olanda, in violazione di tutte le norme doganali e sanitarie. Una diffusione di questo virus, della peste suina africana, avrebbe determinato una compromissione gravissima dell'economia nazionale, con particolare riferimento alla produzione, all'allevamento e alla produzione di suini. La carne era destinata ai ristoranti etnici del Veneto. I sanitari hanno ritenuto il prodotto talmente pericoloso da non voler nemmeno procedere ad un'analisi della carne, immediatamente incenerita. Il virus è estremamente resistente, nel senso che resiste anche, per dire, nei prosciutti e in tutti i prodotti di derivazione da carne di maiale e nella carne di maiale. Pensate che resiste a meno venti gradi almeno due giorni. Non resiste alla cottura, quindi l'alta temperatura, la temperatura della cottura distrugge il virus. Ma, ripeto, non c'è un pericolo per la salute umana, il pericolo è per la salute degli animali. L'intera attività è stata posta sotto sequestro per gravi e reiterate irregolarità.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.