Ponte Morandi, il video inedito del crollo

01 lug 2019

Sono le 11:36 del 14 agosto 2018, a Genova piove a dirotto, la visibilità è bassa e c'è poca gente in giro. Una delle telecamere di sorveglianza della Ferremetal, azienda che tratta i rottami in metallo, inquadra Ponte Morandi dal basso, si vede passare un primo camion, poi un secondo e, improvvisamente, la struttura del viadotto cede. La pila 9 si accartoccia su se stessa, abbattendosi al suolo e uccidendo 43 persone. Il pilone, l'impalcato e gli stralli si sbriciolano in pochi secondi. Per gli inquirenti questa è la prova regina perché mostra la dinamica del cedimento. L'ipotesi più accreditata, secondo gli investigatori, è che abbia ceduto per primo lo strallo, cioè il tiranti in ferro e cemento, a sinistra, lato Sud. Si tratta del miglior video del crollo che la Procura ha a disposizione, è rimasto inedito fino ad oggi, poi è stato diffuso dopo essere stato depositato tra gli atti del secondo incidente probatorio. In una nota Autostrade risponde che, secondo i suoi consulenti tecnici, il video non chiarisce le cause del crollo perché non inquadra tutti i componenti essenziali del ponte, ma mostra solo la cinematica del cedimento. Intanto già sabato è cominciato il primo sopralluogo di periti e consulenti sui resti delle pile 10 e 11 fatti implodere venerdì scorso. Bisogna decidere in fretta quali reperti conservare perché utili al processo e quali smaltire. In queste immagini vediamo da vicino le macerie che vengono costantemente bagnate con cannoni d'acqua per evitare che possano sprigionare polvere. Solo dopo la scelta i materiali inutili potranno essere smaltiti per lasciare spazio alla ricostruzione anche sul versante Est.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.