Ponte Morandi, via all’abbattimento del primo palazzo

03 giu 2019

La pinza idraulica della gru morde il cemento e i mattoni del palazzo al civico 10 di via Porro. E' la prima abitazione che andrà giù dall'inizio dei lavori di demolizione del ponte Morandi. Niente esplosivo per le case come promesso, ma solo abbattimento meccanico e un muro di acqua nebulizzata per ridurre il rischio di diffusione delle polveri che ancora preoccupa gli abitanti del quartiere. E dopo la demolizione delle case che durerà per tutta la settimana, toccherà, questa volta con microcariche esplosive, alle pile 10 e 11 del viadotto. Il tema dell'amianto contenuto nel cemento del ponte continua a impensierire gli abitanti di Certosa e Sampierdarena, i quartieri più vicini al cantiere. Molti di loro si sono organizzati in comitato e insieme all'Osservatorio Nazionale Amianto hanno già chiesto nuove indagini per avvicinare a una soglia “rischio zero” l'abbattimento con l'esplosivo, previsto – questa la best option – per la mattina del 24 giugno prossimo. Il sindaco e commissario Marco Bucci ha già previsto tre barriere, cascata iniziale di acqua prima dell'esplosione, trincee d'acqua in cui cadranno i detriti e infine nebulizzazione dopo per accelerare il deposito. E ha promesso: “Dopo la demolizione sarò io in persona a passare per primo nella zona a rischio”.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.