Protestano i ristoratori di Milano

20 ott 2020

Questa protesta è per sopravvivere e per vivere e per le nostre attività. Per noi l'importante è la salute pubblica, viene al primo posto. Io vi posso racconta la mia esperienza. Ho fatto 18 giorni ricoverato all'ospedale Sacco e quindi so bene che ammalarsi fa male. Sto uscendo adesso. Ho chiuso l'attività per 30 giorni, ma purtroppo aiuti concretamente zero. Noi non chiediamo di avere assistenzialismo, di avere sul conto corrente tutti i mesi versati 600 euro dall'INPS. A noi interessa lavorare, ma che ci sia una riduzione sostanziale di tutti quei tributi locali o di tasse nazionali o contributi per quello che concerne il contratto collettivo nazionale di lavoro per poter garantire un futuro alle nostre imprese e ai nostri lavoratori.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.