Rapina nel napoletano, tre arresti grazie al video

23 lug 2019

Sono gli attimi drammatici che rischiano di costare la vita al sessantaquattrenne cassiere di questa sala scommesse di Quarto, in provincia di Napoli. E ora i tre rapinatori, 18, 22 e 29 anni di Castelvolturno, finiscono in manette, traditi dai tatuaggi e dalle impronte digitali e palmari. In casa di uno di loro c'erano i vestiti usati per la rapina, in casa di un altro il rotolo di banconote, 950 euro in tutto, sottratte dalla cassaforte della sala scommesse. Parcheggiata a pochi metri l'auto della rapina. I tre arrivano sul bersaglio alla mezzanotte tra venerdì e sabato, entrano di corsa e, senza esitazione, sparano ad altezza uomo attraverso la porta della cassa. Quattro dei cinque colpi centrano all'addome il cassiere che si accascia al suolo, mentre due dei rapinatori aprono la cassaforte e fuggono indisturbati in pochi secondi. La vittima del raid, operata più volte, è ancora in prognosi riservata all'ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, rischia di perdere l'uso delle gambe.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.