Rapporto tra alcol e incidenti, parola agli esperti

07 gen 2020

L'asfalto, i fiori, le scritte per ricordare Gaia e Camilla e poi lo choc di questi sei corpi travolti a Bolzano, nella notte del 5 gennaio, e ancora Sonia ed Elisa, appena uscite dalla discoteca. Anche in questo caso chi le ha investite è positivo all'alcol test. Nel suo sangue il tasso di alcol è risultato 4 volte superiore al limite. “Un bicchiere di bevanda alcolica mediamente contiene 12 grammi di alcol. Questo bicchiere genera 0,2 di alcolemia. Si fa presto ad arrivare a 0,5, soprattutto le donne che sono più vulnerabili, hanno un assorbimento molto rapido e uno smaltimento molto lento. Noi suggeriamo, come esperti, alle donne di non superare mai un bicchiere di bevanda alcolica al giorno perché, superata, incrementa del 27% il rischio di cancro della mammella.” In Italia ci sono 8 milioni e 600 mila consumatori a rischio. Un milione e mezzo sono giovani, tra gli 11 e i 24 anni. “Già dallo 0,2 con un bicchiere la visione laterale diminuisce. Man mano che aumenta la concentrazione di alcol la visione laterale tende a confluire in una visione che diventa a tunnel e quando si ha la visione a un tunnel tutto quello che succede lateralmente non ha nessun senso. Noi abbiamo, nel confronto delle risonanze magnetiche funzionali, aree accese di memoria in un quindicenne che non beve e aree di memoria spente in un quindicenne che, invece, fa il binge drinking, beve per intossicarsi il fine settimana. A lungo andare, se si instaura anche un'alcol dipendenza, il cervello viene consumato dall'alcol. Questi sono gli effetti: cervello normale e cervello che in molti punti non dà più segnali e le cellule non sono più funzionali. Questi sono danni irreversibili che troviamo per l'alcol, per la cannabis o per le droghe.”.

pubblicità