Rassegna stampa: i giornali del 24 marzo

24 mar 2021

Buongiorno a tutti, la notizia di Israele la ritroviamo anche sulle prime pagine dei quotidiani. Partiamo dal "Corriere della sera", però dove si parla in apertura della questione vaccini: "ora si vaccini solo per età", sono le parole del nuovo capo della Protezione Civile Curcio in questa intervista in cui si parla anche dell'ipotesi di prolungare le chiusure. "Repubblica": l'Europa ora spera nell'alleato americano. Parliamo ovviamente sempre di vaccini con Biden che partecipa al vertice digitale di Bruxelles. C'è il possibile via libera alla produzione di farmaci USA nelle aziende dell'Unione Europea. Il Sole 24 ore: "l'Antitrust: stop al codice appalti". La segnalazione dell'autority per accelerare le opere finanziate dal recovery. "Arrivano i vaccini: regioni in tilt" la sintesi che fa La Stampa in prima pagina. Prima pagina dove trovano spazio anche le proteste contro il colpo di stato in Birmania: "la strage degli innocenti, l'ultima atrocità dell'esercito golpista". Il Messaggero: scuole aperte dopo Pasqua e poi il comitato tecnico scientifico che parla di una possibile stretta fino al 15 aprile. "Ospedali in tilt" per il quotidiano nazionale, "un anno passato invano" il bilancio che fa di questi ultimi 12 mesi di emergenza Il Giorno. Il Giornale: "Boldrini maschilista non paga la colf". Il tema per Il Giornale oggi è l'ipocrisia di genere. Il Fatto Quotidiano invece ci parla del "mini condono che ci costa 666 milioni di euro". E poi ancora, La Verità: "i vaccini c'erano, Conte non li ha presi" è la disfatta di Bruxelles secondo La Verità. Anche su Libero Laura Boldrini è in apertura: "in guerra con le donne, l'ex presidente accusata di essere aguzzina. Il Foglio: dalla prima pagina segnalo l'articolo "la concorrenza che salverà l'Italia". Si parla dei soldi dell'Europa che non bastano. Milano Finanza: "aiuti alle imprese tutto l'anno, crisi senza fine e Draghi corre ai ripari". Abbiamo tempo anche per vedere la prima pagina di Avvenire: "assegno ancora vuoto, mancano solo 100 giorni alla partenza del benefit universale per i figli, ma occorrono tuttora il sì del Senato, il varo dei decreti delegati e l'aumento delle risorse stanziate". Per concludere facciamo un passaggio rapido sulla Gazzetta dello Sport. Tra le tante notizie anche quella di Cesare Prandelli e del suo addio al calcio.

pubblicità
pubblicità