Ravenna, bimbo morto a Mirabilandia indagati mamma e bagnino

21 giu 2019

Da testimone a indagata per la morte del figlio. La mamma di Edoardo, il bambino di quattro anni morto mercoledì nella piscina di Mirabeach, il parco acquatico di Mirabilandia, è stata sentita in Procura a Ravenna. Durante l'incontro la sua posizione è cambiata. I magistrati, che indagano per omicidio colposo, ipotizzano responsabilità penali nei suoi confronti per aver lasciato il bambino da solo in quell'arco di tempo in cui poi si è verificata la tragedia, circa otto minuti. All'interno del parco vi sono dei cartelli che obbligano i genitori a non allontanarsi mai per una distanza superiore a quella di un braccio dai propri bambini fino a cinque anni di età. Ma questo non esclude responsabilità di altri. Nel registro degli indagati sono stati iscritti anche i nomi del bagnino e del capo sicurezza della struttura. “Stiamo verificando, anche tramite i Carabinieri e anche la Medicina del Lavoro, se vi sono state, diciamo così, negligenze od omissioni rispetto alle cautele necessarie per evitare una tragedia del genere”. Per gli inquirenti, che hanno visionato i filmati delle due telecamere di sicurezza puntate sulla piscina, non ci sarebbero molti dubbi sulle cause della morte: il bambino sarebbe annegato, ma sarà l'autopsia a stabilirlo con certezza. Il giorno dei funerali di Edoardo, figlio unico, Castrocaro, Comune di residenza della famiglia, proclamerà il lutto cittadino.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.