Regole per guida sicura dei monopattini elettrici

18 gen 2020

La partenza può sembrare un po' complicata all'inizio, ma è semplicissima. Basta darsi una spinta con il piede. Dopodiché accelerare e andare. È sempre preferibile circolare sulle piste ciclabili ove presenti, in caso contrario mantenere la destra, rispettare gli altri veicoli. In ogni caso mai sui marciapiedi. Quando si desidera parcheggiare è sempre bene farlo nei pressi di rastrelliere per le biciclette, qualora non fossero presenti ricordiamoci di non intralciare mai lo spazio pubblico. Quello del parcheggio è una nota dolente di chi usa il monopattino, li troviamo un po' dappertutto in città. - Un po'. Allora diciamo che noi ci rifacciamo sempre al senso civico di ognuno di noi di tutti i cittadini, per cui noi ricordiamo sempre ad esempio di parcheggiare quando sui marciapiedi sempre a lato strada piuttosto che contro i muri, in maniera da non intralciare la mobilità anche delle persone con mobilità ridotta. Regole fondamentali per chi usa il monopattino elettrico. Torino è la prima tappa italiana dedicata alla guida sicura di questi mezzi. Un'idea di Lime, società di sharing presente in 50 città europee e da poco anche in Italia, a Rimini, Verona, appunto Torino tra i primi capoluoghi ad aver cominciato la sperimentazione. Dopo una prima fase un po' problematica per un decreto che lasciava parecchie zone grigie, dal 1° gennaio 2020 i monopattini elettrici sono stati equiparati alle bici, dunque, possono circolare anche sulle strade. Il casco è consigliato, ma non obbligatorio, è vietato salirci in due e la velocità massima è di 20 chilometri orari, che scende a 6 nelle aree pedonali. La sfida principale è ricordare alla gente che prova la prima volta il monopattino e che si sente molto libero, che comunque è in mezzo allo spazio pubblico circondato da macchine che sono pericolose e da pedoni, e che bisogna quindi rispettare lo spazio pubblico ed essere attenti.

pubblicità