Ricercatrice Sacco: "Aumento variante inglese del 30%"

25 feb 2021

Abbiamo riscontrato negli ultimi tempi un aumento della variante inglese, da che non avevamo neanche un campione, adesso siamo intorno al 30%, più o meno 20, 30% dipende un po, quindi stiamo andando a caratterizzare questo tipo di varianti e vedere se ovviamente ci sono anche delle mutazioni aggiuntive. Il virus muta, fa circa due mutazioni al mese, questo è quello che sappiamo, ovviamente per i pazienti che rimangono per lungo tempo infetti magari questo numero di mutazioni si accumula lungo tutto il genoma e quindi è possibile che nascano queste nuove varianti.

pubblicità