Roma, l'ultimo saluto a Sergio Zavoli

07 ago 2020

Bastava guardarlo per imparare, perché imitarlo era impossibile. Forse dobbiamo capire tutti una cosa che, oltre alla velocità, ci vuole la profondità, e Zavoli pensava che prima del mezzo tecnico venisse lo spirito critico. Ecco, questa è forse la sua più grande lezione. Una cerimonia semplice, partecipata dagli amici più cari e da alcuni compagni di partito, oltre a qualche volto noto della TV, come Michele Mirabella e Renzo Arbore e poi alcuni dirigenti Rai, nella Chiesa di San Salvatore in Lauro, in centro a Roma l'ultimo saluto a Sergio Zavoli, il giornalista, scrittore, poeta, senatore, scomparso a 93 anni. Lui era sicuramente un intellettuale, ma era uno di quegli intellettuali che capiva che l'importante per qualcuno che culturalmente è attrezzato è di farsi capire e di essere e di migliorare la qualità delle persone semplici. Ha sempre avuto questo tono, che si riconosceva a prima vista, di chi vuole cercare l'approfondimento, di chi non si accontenta della notizia improvvisata. Per tutti una luce nel panorama culturale italiano, un faro del giornalismo. Credo che chiunque voglia praticare la professione di giornalista, vecchio o giovane, della carta stampata o della televisione, non posso fare a meno della lezione di Zavoli. In prima fila in Chiesa la vedova Alessandra Chello e la figlia Valentina, avuta dal primo matrimonio, poche persone, così come impongono le norme Covid, a dire l'omelia don Carlo Brezza, il prete che lo ha seguito durante l'ultimo anno di vita. Dio era al centro delle nostre conversazioni, mi diceva spesso, quasi per dire l'ultima parola, Credo di credere. Lo affermava ripetutamente, e allora gli dicevo non ce la fai a dire "credo" ? Da Rimini è arrivato anche il sindaco della cittadina romagnola, dove Zavoli sarà sepolto di fianco alla tomba del suo amico di sempre, Federico Fellini. Per l'Italia è quella dolcezza di voce profonda che non aveva ultimi o primi. Un applauso ha accompagnato il feretro durante l'uscita dalla Chiesa, al termine del rito, poi il viaggio verso casa, la sua Rimini, dove nel Teatro Galli sarà allestita la Camera ardente fino a sabato mattina.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.