Roma, nuovo blitz a Tor Bella Monaca: 21 arresti

04 mag 2021

Le prime informazioni sono arrivate dall'esposto di un genitore, confermate poi da un collaboratore di giustizia e dalle indagini sul campo dei Carabinieri. Tor Bella Monaca, quartiere periferico di Roma, rimane una delle più grosse piazze di spaccio della Capitale, colpita più volte, anche di recente, dai blitz delle forze di Polizia, che non hanno però scoraggiato i gruppi criminali. In questo caso a gestire il mercato della cocaina era una famiglia, i Maruca, a capo di un'organizzazione strutturata gerarchicamente, che si serviva di un cospicuo numero di vedette e pusher. Tra i vertici c'era anche una donna della famiglia, che supervisiona va la piazza di spaccio, con poteri di intervento, controllo e organizzazione dei turni di lavoro. Per sfuggire alle indagini venivano di continuo sostituiti i cellulari, e per garantirsi la lealtà dei sodali, venivano dati loro aiuti economici per sostentare i familiari e pagare gli avvocati in caso di arresto. Una sorta cioè di "ammortizzatore sociale". Oltre 200 mila euro a settimana gli introiti così lucrati. 21 persone sono dunque finite in manette, 14 sotto obbligo di presentazione. Sequestrati inoltre dagli uomini dell'arma una tabaccheria e tre imbarcazioni, frutto dei proventi criminali.

pubblicità
pubblicità