Ruvo di Puglia, bomba sotto l'auto di un carabiniere

11 feb 2020

La voragine aperta nell'asfalto racconta la potenza della bomba che la notte scorsa, qui, alle porte di Ruvo di Puglia ha fatto saltare in aria l'auto personale di un carabiniere e non solo quella. Le facciate dei palazzi circostanti portano i segni della terribile esplosione. Finestre in frantumi, portoni divelti, danni importanti alle cose, per le persone, per fortuna, solo tanto spavento. Fonti investigative parlano di tritolo, uno degli indizi che porta alla criminalità organizzata, l'altro, anzi gli altri due, ci riportano indietro di poco più di un anno al 4 di novembre e al 5 dicembre del 2018, incendio doloso di una villetta di campagna nel primo caso, altra bomba sotto un'auto in sosta nel secondo. Attentati avvenuti in un altro paesino della zona, Corato, ma entrambi contro dei Carabinieri in servizio, per giunta, nello stesso reparto del brigadiere di Ruvo di Puglia, il nucleo radiomobile di Andria. Ed è su questa traccia che gli investigatori si sono subito messi al lavoro, convinti che gli autori dell'attentato della notte scorsa, vadano ricercati negli ambienti della criminalità organizzata andriese, tra quanti, cioè, potrebbero aver visto i loro traffici messi a rischio dalle attività dei militari dell'Arma.

pubblicità