Caso Gregoretti, assolto Salvini: fatto non sussiste. VIDEO

14 mag 2021

"Dichiaro non luogo a procedere nei confronti di Salvini Matteo, in ordine al reato ... perché il fatto non sussiste". L'ex Ministro dell'Interno, secondo il Gup di Catania Nunzio Sarpietro, non sequestrò a bordo della nave militare italiana Gregoretti, i 131 naufraghi partiti dalla Libia il 19 luglio del 2019. Il 27 dello stesso mese, Salvini aveva negato il porto di sbarco, concesso solo il 31 luglio, nel porto siciliano di Augusta, dopo una trattativa con altri governi europei, per la ricollocazione dei migranti. La stessa Procura aveva chiesto ripetutamente, il non luogo a procedere contro l'ex Ministro, confermato in aula dal Pubblico Ministero, Andrea Bonomo. "Sono contento e ribadisco che, se e quando gli italiani torneranno a votare e a restituirmi responsabilità di Governo, farò esattamente la stessa cosa". La decisione del giudice dell'udienza preliminare, è arrivata al termine di una lunga e articolata istruttoria, nel corso della quale il Gup ha ascoltato le testimonianze dell'ex Premier e degli ex Ministri dell'esecutivo giallo-verde Luigi Di Maio, Danilo Toninelli ed Elisabetta Trenta, dell'ambasciatore Massari e dell'attuale Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, che si è succeduta a Salvini al Viminale. "Cos'è che è stato detto? Lo vedremo presto nelle motivazioni, che nel caso in cui ci sia una nave, in questa nave si facciano attendere i migranti, in attesa di redistribuirli nei Paesi europei, non si consuma un reato di sequestro di persona, ci si limita a seguire una procedura". Se la vicenda Gregoretti si chiude, per Salvini resta aperta un'altra contestazione, simile a quella di Catania. A Palermo infatti, è stato disposto il rinvio a giudizio per sequestro di persona, al danno dei migranti trattenuti a bordo della nave Open Arms, dal 14 al 21 agosto del 2019. Una vicenda che, secondo il difensore di Salvini, sarebbe già contenuta nella sentenza di Catania, visto che il Gup catanese prima di decidere, ha voluto avere i documenti anche delle altre vicende analoghe.

pubblicità
pubblicità