Separate al Bambin Gesù gemelle siamesi unite alla nuca

07 lug 2020

Solo un mese fa, per la prima volta, hanno potuto giocare e guardarsi. Ervina e Prefina sono nate unite, gemelle siamesi, nuca con nuca, in comune la scatola cranica e gran parte del sistema venoso. Una tra le più rare forme di fusione a livello cranico e cerebrale. Un mese fa l'intervento definitivo di separazione, il terzo, 18 ore in sala operatoria e l'impegno di oltre 30 persone, tra medici e infermieri, per un caso forse unico al mondo, ma prima un percorso lungo un anno. Sono pochissimi i casi riportati, in letteratura non sono più di 5 descritti e l'aspetto peculiare di questo percorso è stato quello in cui le bambine sono state separate con un pieno successo. Hanno tutte le condizioni neurologiche per poter fare una vita normale. Sono arrivate a Roma, all'ospedale pediatrico Bambino Gesù, grazia Mariella Enoc, in missione nella Repubblica Centrafricana, che decide di portarle in Italia per provare a dare loro una possibilità. Un milione di euro il costo dell'intero percorso, grazie all'Ospedale, alla Fondazione e alle donazioni di chi crede nella solidarietà e nel progresso della scienza. Ho visto queste due bambine, avevano 5 giorni di vita e naturalmente i medici locali mi avevano detto: “Non c'è nessuna possibilità”. Quando sono state qua, l'equipe dell'Ospedale mi ha detto che era possibile fare l'intervento, hanno anche detto che tutte e due le bambine avevano le stesse possibilità di salvarsi. Ervina e Prefina hanno compiuto due anni il 29 giugno, per un po' resteranno qui, qualche mese ancora, con loro la madre che guarda alle sue figlie, oggi, come un miracolo e nell'immediato la speranza è una soltanto. Le mie figlie, adesso, stanno bene di salute, io vorrei che il papa le battezzi.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.