Sicilia, quarantena per chi arriva da zone a rischio

13 ago 2020

Quarantena obbligatoria per tutti i siciliani che rientrano da: Malta, Grecia e Spagna. Al termine dell'isolamento ci si deve sottoporre al tampone. Per i turisti provenienti dalle zone a rischio, mascherine sempre obbligatorie all'interno e all'esterno. Obbligo di scaricare l'App Sicilia Sicura e contatto, se necessario, con i medici delle Asp siciliane. È questo ciò che prevede l'ordinanza emessa al governatore della Sicilia, Nello Musumeci, per cercare di contenere i contagi da coronavirus in Sicilia. Sorvegliati speciali gli aeroporti ed in particolare i voli che provengono da queste zone. I termoscanner sono ormai attivi da tempo, ma, con le disposizioni della nuova ordinanza, i controlli saranno ancora più serrati. Spesso i passeggeri, magari, non riescono nemmeno a vedere le strutture che sono state messe a disposizione, come, per esempio, queste speciali telecamere che inquadrano fino a 16 persone alla volta, controllandone la temperatura, ce l'abbiamo in almeno 5 entrate e uscite per poter controllare la temperatura in maniera discreta, senza quindi infastidire i passeggeri, benché c'è un centro di controllo in aeroporto che poi segnala le anomalie e quindi chiede l'intervento dei medici. Qui non ci sono solo dispositivi elettronici, così come ai controlli di sicurezza, potete vedere che ci sono quattro o cinque postazioni con riconoscimento facciale, la temperatura, ma c'è anche tanta gente che lavora, non solo di Gesap, ma: Entergy, Gh, Via Partner, gli Enti di Stato, i medici dell'Usmaf, l'Enac con gli ispettori che fanno continuamente l'ispezione di controllo, la Polizia, i Carabinieri, tutti ormai sono concentrati su questo imperativo della sicurezza dei passeggeri. Le mascherine continueranno ad essere obbligatorie per tutti nei luoghi chiusi e all'aperto se non può essere garantito il distanziamento sociale.

pubblicità