Spallanzani, genitori Niccolò: sta bene, sempre stato forte

28 feb 2020

I genitori di Nicolò: “Va a casa. Qui abbiamo i due genitori che, insomma, vogliono esprimere, come dire, alla nostra comunità la loro... prego”. “Nicolò sta benissimo, noi siamo finalmente felicissimi di poterlo riabbracciare. Niente, Nicolò sta bene, mai stato così bene, a dire della verità. E così”. L'avete visto attraverso il vetro? “Sì, sì, lo abbiamo visto prima. Sta bene, è contento e anche lui non vede l'ora di uscire. Insomma, domani finalmente ce lo riabbracciamo”. Che cosa avete pensato quando avete saputo che era rimasto bloccato a Wuhan? “Cosa abbiamo pensato? Niente, che ci sarebbe sicuramente stata un'altra soluzione per farlo rientrare, come è avvenuto”. L'avete mai sentito un po' scoraggiato durante tutta questa vicenda? “No, è sempre stato molto forte”. “Sempre forte e non si è mai perso d'animo. Devo essere sincero, sì, veramente”. Come ha trascorso il tempo in tutto questo lunghissimo periodo che è dovuto rimanere in isolamento? “Beh, comunque computer, TV, telefono, contatto con noi, con gli amici, tutti i familiari. Insomma, sì, è riuscito a trascorrerlo”. Vi aspettavate un suo modo di reagire così forte per un ragazzo di 17 anni? “No, ci ha stupito”. “Ci ha stupito, sinceramente”. “Ci ha stupito veramente”. Avete mai avuto paura che potesse essersi contagiato? “No, no”. “Sinceramente no, perché è sempre stato attento, tutte le precauzioni che doveva prendere le ha sempre prese e questo vuol dire, significa, che le precauzioni, se le prendi, non dovrebbe succedere niente”. Tornerà in Cina? “Assolutamente ha detto di sì”. Che cosa farà invece appena tornato a casa? “Un po' di riposo e e poi tornerà alla vita normale. Comunque, c'è la scuola che lo aspetta”. Non farete una festa con gli amici? “Quando sarà possibile lo faremo, perché per il momento non si può fare nulla, e poi sì”. Manuela, se mi senti, puoi chiedere loro cosa si sentono di dire ai medici dello Spallanzani e al Governo? “Qui è stato accontentato di tutto, sinceramente. È diventato il figlio di tutti, qui veramente. Non gli è mancato nulla, e va benissimo”. Quindi anche voi siete comunque riusciti, vediamo, ad affrontare questi momenti che immagino siano stati di angoscia, almeno all'inizio, in maniera forte e positiva. “Qualche pensiero c'è stato, è inevitabile, però è andato tutto bene, ripetiamo, quindi...” “Siamo sempre comunque stati in contatto con tutti quelli che dovevano lavorare”. “Tutti sempre ci hanno informato di tutto in qualsiasi momento, quando era in Cina, quando è arrivato qui in Italia con i dottori dello Spallanzani e quant'altro, e il...” Però voi sempre informati, insomma. “Sì, sì”. “Sempre 24 su 24. Tutto bene”. Il fatto che fosse seguito dallo Spallanzani per voi è stata comunque una grande garanzia? “Assolutamente sì. Assolutamente sì, certo. Una marcia in più”. Grazie. “Grazie a voi”. Grazie, grazie.

pubblicità