Spari a Reggio Emilia, un arresto e cinque feriti

19 ott 2020

Non siamo in presenza di uno scontro tra baby gang, siamo però in presenza di un criminale che andava in giro per la città armato e che ha sparato dei ragazzini, rischiando di fare una strage. Solo per un colpo di fortuna non ci sono morti, e credo che questo è ciò che giustifica la massima severità su quanto accaduto. Si costituirà parte civile il comune di Reggio Emilia, quanto accaduto è gravissimo, commenta il sindaco della città, Luca Vecchi. É sabato sera, sono le 22:30 circa quando a piazza Del Monte, centro storico di Reggio Emilia, si sentono esplodere dei colpi. Un gruppo di ragazzi scappa, un uomo spara. 5 i feriti, due minorenni, gli altri poco più che maggiorenni, uno di loro è in prognosi riservata. Sono stati colpiti dai proiettili esplosi, una Beretta 636, la pistola dei killer la chiamano gli inquirenti, non una scacciacani, come inizialmente ipotizzato, arma che risulterà poi rubata a Reggio Calabria. Le telecamere riprendono tutta la scena in strada, ci sono più agenti per i controlli sulle misure di sicurezza anticovid, un'azione di polizia congiunta porta all'arresto dell'autore della sparatoria alle 2:00 di notte, Gaetano Lombardi, quarantenne con precedenti penali per piccoli reati, viene prelevato dalla sua abitazione e portato in questura. Lui non ha opposto resistenza, in un primo momento ha negato. Lui era di fatto era a letto e ha però dovuto ammettere le proprie responsabilità nel momento in cui a seguito della perquisizione, peraltro già occultata, è stata ritrovata la pistola che è stata utilizzata per compiere la sparatoria. La pistola è stata trovata dietro un battiscopa. Non si tratta di baby gang, i feriti sembra non si conoscano tra loro, di certo, dicono le autorità cittadine, quanto accaduto non dovrà mai più ripetersi.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.