Strage familiare Sassuolo, commozione e raccolta fondi

19 nov 2021

"Carissimi Elisa, Simonetta, Sami e Ismaele, non ci sono parole per esprimere quanto accaduto. Riposate in pace", è il messaggio lasciato sui fiori da Erica e Rosa. "Buon viaggio cari angeli", scrivono su un cuore rosso, Franco e Anna. Un omaggio spontaneo e silenzioso, non si ferma due giorni dopo la strage familiare, che ha sconvolto Sassuolo. Lo sconcerto e il dolore per la violenza, che nessuno ha impedito, malgrado i segnali. Elisa Mulas era minacciata di morte dal compagno. Le conversazioni registrate fatte ascoltare alle amiche. Nessuna denuncia, solo una segnalazione. Pensava che Nabil avrebbe capito. Lo aveva lasciato. Prima di lui, un marito da cui si era separata, con l'aiuto di un centro antiviolenza, ora si era trasferita dalla madre con i bambini. Si sentiva al sicuro. Mercoledì si è fidata di Nabil, gli ha permesso di entrare, come aveva già fatto altre volte. "Da uomo cosa devo dire? Io penso che ci sia un lato oscuro da parte di queste persone. Non riescono a gestirlo. Su come prevenire queste cose? Non lo so." " Cosa si può fare? Non lo so neanch'io." "La gente vicina, doveva intervenire." "Una cosa disumana. Quindi è inaccettabile." "Io penso a quei bimbi che veramente, ma anche alla moglie, anche alla nonna. Perché questa persona non era aiutata?" La figlia di 11 anni, si è salvata perché era a scuola. Per lei, il Comune, ha messo a disposizione un Fondo di Solidarietà che raccoglie donazioni. La città sarà in lutto il giorno dei funerali.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast