Tar Calabria sospende ordinanza chiusura scuole

10 mar 2021

Lei come vede questo rientro a scuola? Non saprei, sì e no. Perché nella Dad non di studia come si studia a scuola, però, dall'altra c'è sempre la paura del virus. Favorevolissimo, perché i bambini si stanno ammalando. Ci destabilizza un po' questo apri e chiudi, comunque, i bambini sono contenti. Scuole sì, scuole no. I genitori degli alunni calabresi sono divisi e confusi sul ritorno in classe di figli, soprattutto per il braccio di ferro in atto da mesi tra il governatore protempore Spirlì e il Tar di Catanzaro. Per la terza volta da novembre, infatti, il tribunale amministrativo ha chiamato a esprimersi su ordinanze di chiusura delle scuole e per la terza volta, sostenne quell'ordinanza, riapre gli istituti in questo caso anche ammonendo la regione a conformarsi alle norme. Spirlì aveva deliberato la chiusura fino al 21 marzo per tutelare il diritto alla salute a fronte di contagi in aumento, ma un centinaio tra famiglie e insegnanti hanno impugnato le sue delibere. Il Tar ha decretato in favore del diritto all'istruzione. Sono due diritti questi della tutela della salute, tutela dell'istruzione che devono camminare assieme. È vero che è principale la tutela della salute perché non è preminente, nel momento in cui diciamo la tutela della salute può essere ragionevolmente ottemperata devi tu ordinamento statale quindi anche regionale, mettere in esecuzione il diritto all'istruzione. E per il tribunale il quadro epidemiologico non giustifica, al momento le scuole chiuse. La Calabria è in zona gialla, scrive il giudice, e l'incremento dei contagi considerevolmente inferiore alla media nazionale e così anche l'incidenza delle varianti al 9%. Dunque l'ordinanza va sospesa. La risposta del governatore tuttavia non si fa attendere. Il Tar ha deciso, dice, e se ne assuma le sue responsabilità. Temo un aumento dei contagi, interverrò col Governo. Non voglio fare terrorismo psicologico, ma prevenire è meglio che dover poi curare e intanto molti Sindaci terranno comunque le scuole chiuse.

pubblicità
pubblicità