Terremoto Mugello, parlano esperti INGV

09 dic 2019

Questo è il tipico sciame, quindi a rigore non sono neanche repliche. Sono le scosse che formano questo sciame sismico. Uno sciame sismico è una sequenza che comincia con scosse più piccole, dove la scossa forte arriva dopo un po', non è la prima scossa a colpire. Questa è la definizione di sciame. Comunque, la zona è una zona a elevata pericolosità molto nota, senza alcuna discussione, siamo proprio sull'Appennino dove avvengono i terremoti più forti e, infatti, nel Mugello sono avvenuti due terremoti forti storicamente, uno nel '19 e qualche mese fa abbiamo ricordato i cento anni, il terremoto del Mugello del 1919, e uno più a Ovest, nella zona colpita oggi, nel 1542, il 13 giugno. I terremoti di questa natura, questi sono terremoti che hanno natura estensionale, cioè che l'Appennino si estende, la crosta si estende. Questi terremoti avvengono tipicamente tra i 5 e i 10 chilometri di profondità in Appennino, quindi diciamo che la cosa è del tutto normale. 7 - 9 sono i numeri che ci aspettiamo e vuol dire che le loro intenzioni sono corrette.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.