Torino, torna il Salone del Libro

16 ott 2021

La Torre di Francois Confino certifica che dopo due anni d'assenza causa Covid, il Salone Internazionale del Libro di Torino è tornato. Ne resta il simbolo e rassicura tutti i visitatori che per questa 33esima edizione sono tanti. Tra gli stand del Lingotto è palpabile nel pubblico la voglia di eventi come questo. Obbligo di Green pass e mascherina per entrare certo, la pandemia non è ancora alle spalle, ma le code sono ordinate e il piacere di sfogliare un libro appena stampato e gustarne l'odore vince su tutto. "Il bilancio è proprio oltre qualunque aspettativa. Abbiamo avuto giovedì un sacco di gente, venerdì un sacco di gente, sabato forse sarà uno dei saloni più pieni di sempre, tenendo conto che abbiamo aumentato anche lo spazio. Evidentemente la gente aveva voglia di venire, di ritrovarsi. Insomma qua c'è un paese bellissimo qui al Salone del Libro". Un paese abitato da 715 editori, più di 400 espositori, 2.000 ospiti e 1.200 eventi che senza sosta animano i 5 giorni della manifestazione, con l'Arena Bookstock, lo spazio dedicato ai ragazzi, sempre più ampio, 400 classi in presenza, oltre 1.000 in tour virtuale, perché la carta qui regna ancora, basta guardarsi intorno per capirlo. Ma rappresenta il passato o possiede ancora un futuro? "È un ottimo strumento con la migliore batteria oggi a disposizione per fruire d'informazione, per intrattenerti, per educarti, istruirti. Per cui è un qualche cosa che ad oggi non va via e anzi il peso del libro cartaceo, quando parli con una persona, è percepito come più alto, più elevato rispetto al digitale. E ad oggi è così, è un trend che non è cambiato, la gente compra ancora più libri cartacei, però sono due mondi che si stanno unendo, collaborano e convivono sempre, sempre meglio". Il titolo di questa edizione è Vita Supernova, una stella che esplodendo può abbagliare o illuminare, ma anche un omaggio a Dante nel settecentesimo anniversario dalla morte. "La parola stelle chiude le tre cantiche della Divina Commedia tenendo conto, insomma, di come sta andando il Salone, direi che è abbastanza appropriata. E poi tra l'altro, il Salone in cui riusciamo a rivedere le stelle, perché ci ritroviamo tutti quanti, quindi stellare è la parola giusta".

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast