Torino, sorprende ladri in casa e viene ucciso

09 giu 2021

È una vicenda destinata a riaccendere il dibattito sulla Legittima Difesa, quella relativa al furto nell'abitazione di Roberto Mottura. Piossasco, provincia di Torino, l'architetto 49enne è in casa con la moglie Laura e il figlio di 12 anni, Tommaso. La loro villa, in via Campetto 33, viene scelta da due, forse più malviventi, per un furto. Forzano un'anta-finestra, a due metri di altezza della strada e fanno irruzione all'interno. Mottura si accorge immediatamente di quel che sta accadendo: va verso gli uomini e nel tentativo di bloccarli, viene colpito al basso addome da un proiettile di piccolo calibro. La moglie chiama immediatamente la Polizia, lui muore, i malviventi riescono a fuggire. Da stamane, nella villa, sono in corso sopralluoghi e rilievi tecnico-scientifici. Fuori, nei dintorni di Piossasco, sono stati disposti posti di blocco a tappeto e controlli dei Carabinieri, per catturare gli autori del tentativo di furto e omicidio. Omicidio sul quale indagano i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Torino e della Compagnia di Moncalieri.

pubblicità
pubblicità