Roma, Torre Maura: ancora tensioni, trasferiti primi nomadi

05 apr 2019

I rom piano piano se ne vanno, una ventina hanno lasciato da poco il centro di accoglienza di via Codirossoni. Si è corso così ai ripari varando un piano di trasferimento che entro lunedì prossimo dovrebbe allontanare da Torre Maura tutti i 70 nomadi e i 33 minori in altre strutture della città. C'è il timore che la miccia possa scoppiare anche altrove. Qui, nel VI municipio a guida 5 Stelle, tra la Casilina e il raccordo anulare, tra case popolari, palazzi abusivi e costruzioni mai finite, ha vinto chi non li voleva, chi, esasperato da un lavoro che non c'è, degrado e rabbia, si aggrappa alle promesse di CasaPound, quella destra sfidata da Simone, un quindicenne di Torre Maura che accusa il Movimento di cavalcare la rabbia per racimolare un po' di voti. E quindi dei rom, 70 persone, secondo me non è che tutta Torre Maura scende per 70 persone. Secondo me è stata solo una chiave per farsi sentire. Sulla protesta è intervenuta anche la Chiesa cattolica, che per bocca del segretario generale, monsignor Stefano Russo, ha invitato a evitare guerre tra poveri. CasaPound e Forza Nuova annunciano nuovi sit-in, anche il Pd potrebbe organizzare una manifestazione per sabato. La rabbia sociale colpisce il Campidoglio, l'Amministrazione di Virginia Raggi si trova a ripetere “Attenzione a come procedere con gli spostamenti delle persone perché i comitati di altri quartieri sono in fermento, pronti ad alzare le barricate”. Oggi è stato convocato un comitato per l'ordine e la sicurezza in Prefettura per gestire la situazione delicata, perché da Torre Maura ripetono da due giorni “la protesta scatta anche altrove”.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.