Travolti da ubriaco, bimbo muore e l'altro perde le gambe

12 lug 2019

Quando gli agenti di polizia lo hanno arrestato, Rosario Greco, ha dichiarato di essersi messo alla guida della sua Jeep dopo aver bevuto birra e assunto cocaina. Con il tasso alcolemico risultato quattro volte superiore alla norma, la sera di giovedì, ha percorso a folle velocità una stradina del centro storico di Vittoria, dove procedere a passo d'uomo è obbligatorio. È piombato sui due ragazzini di 11 anni che erano seduti sul marciapiede davanti casa. Alessio è morto sul colpo. Simone, il cugino, operato d'urgenza al Policlinico di Messina, ha perso le gambe ed è ancora in pericolo di vita. Le immagini degli impianti di videosorveglianza hanno ripreso la dinamica della tragedia avvenuta dopo un azzardato tentativo di sorpasso. Il conducente, dopo aver travolto i due bambini, senza prestare soccorso, ha tentato la fuga a piedi, insieme con i tre passeggeri a bordo dell’auto. Nel giro di mezzora gli agenti del Commissariato di Vittoria e della Polizia di Ragusa hanno rintracciato e arrestato il conducente che in auto aveva una mazza da baseball e un manganello. Oltre all'omicidio stradale, aggravato dall'ubriachezza, reato introdotto nel 2016 e che prevede la detenzione da 8 a 12 anni e l’interdizione a vita della guida di veicoli, l'uomo dovrà rispondere anche di detenzione di oggetti atti ad offendere. Rintracciati, poco dopo, anche i tre passeggeri, sono stati denunciati per omissione di soccorso.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.