Treno deragliato, lo scambio era in posizione scorretta

06 feb 2020

Il locomotore si è staccato dalla resto del convoglio e alla velocità che teneva in quel momento, credo 300 all'ora, è andato a deragliare all'altezza di uno scambio, che doveva essere posto in una certa Posizione, invece così non era. Il procuratore capo di Lodi Lo ha spiegato subito con chiarezza “lo scambio che durante la notte era stato interessato da dei lavori di manutenzione, non si trovava nella giusta posizione.” Erano le 5:35 quando il Frecciarossa è deragliato. Nel comune di Ospedaletto Lodigiano, uccidendo due macchinisti e ferendo 31 persone. Nessuno in maniera grave. La carrozza motrice si è staccata alla velocità di quasi 300 chilometri orari. Ha urtato contro il carrello e si è schiantata contro un deposito ferroviario. I due macchinisti sbalzati sono stati ritrovati poco lontano. Il resto del treno ha continuato la corsa, la prima carrozza con una sola persona a bordo si è rovesciata. I passeggeri hanno avvertito un forte boato, poi il treno ha iniziato a tremare. A 300 all'ora. Non vedi più niente, è tutto buio, polvere, così. Però siamo qui, dai! Ci hanno assistito bene. So stati bravissimi. Siamo qui e mi spiace per quelli che non ci sono più. Uno scontro, no, niente, che il treno vibrava e ad un certo punto si è fermato e tutto buio. L’indagine per ora è contro ignoti e per disastro ferroviario. Omicidio plurimo e lesioni colpose. La Procura sta seguendo la pista dell'errore umano, nonostante l'alta velocità sia sottoposta a manutenzione continua, il Procuratore ha spiegato che probabilmente si era reso necessario un intervento nella notte. Gli inquirenti attendono l'analisi delle due scatole nere, mentre squadre investigative speciali stanno lavorando sul luogo dell’incidente, ora sotto sequestro. almeno due giorni saranno necessari per liberare il tratto. Le salme delle vittime si trova all'ospedale di Lodi, Giuseppe Cicciù di Reggio Calabria aveva 51 anni, Mario Dicuonzo, 59, era di Capua. Tra i feriti, il più grave ricoverato nel reparto di ortopedia dell'ospedale di Lodi per una frattura ad una gamba, e sarà sottoposto ad intervento chirurgico.

pubblicità