Tumori, per la prima volta calano le diagnosi

24 set 2019

È la prima volta che si registra un calo così. I nuovi casi di tumori in Italia tendono a diminuire. Nel 2019 sono state stimate 371000 diagnosi, 2000 in meno in 12 mesi. In calo, in particolare, le neoplasie del colon retto, dello stomaco, del fegato e della prostata e solo negli uomini i carcinomi del polmone. La diagnosi di un tumore può essere l'inizio di un calvario, ma aumenta la sopravvivenza. Il 63% delle donne e il 54% degli uomini sono vivi a 5 anni dalla diagnosi e almeno un paziente su 4, pari a quasi un milione di persone, tornato ad avere la stessa aspettativa di vita della popolazione generale, può considerarsi guarito grazie a test mirati, terapie sempre più efficaci e una maggiore adesione ai programmi di screening. Ma dai dati ufficiali, frutto del lavoro tra gli altri dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica e dell'Associazione Italiana Registri Tumori di Fondazione AIOM, permangono delle criticità. Le diagnosi di cancro al polmone continuano ad aumentare fra le donne per la preoccupante diffusione dell'abitudine al fumo di sigaretta fra le italiane. In crescita anche il tumore della mammella e in entrambi i generi, quelli del pancreas, della tiroide e i melanomi, soprattutto al sud, dove però ci si ammala di meno. L'incidenza più alta di tumori si registra in Friuli Venezia Giulia, la più bassa in Calabria. Intanto l'Agenzia Italiana per il Farmaco, per possibili impurità cancerogene, ha disposto in via precauzionale il divieto di utilizzo di 519 prodotti antiacido, molti da banco, tra cui Buscopan, Ranidil e Zantac. Si tratta di lotti di farmaci contenenti la ranitidina, un inibitore della secrezione acida utilizzata per alleviare i bruciori di stomaco, reflusso e ulcere. L'elenco completo dei medicinali ritirati e vietati è disponibile sul sito dell'AIFA.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.