Cibo scaduto si può mangiare? Un piatto di salute, speciale

27 mar 2019

La data di scadenza è il termine entro cui è necessario, obbligatorio che il prodotto venga consumato. Generalmente i prodotti con la data di scadenza sono quelli più deteriorabili. È più facile che siano presenti dei microrganismi, dei batteri che possono essere un veicolo di patologie per l’uomo, responsabili delle cosiddette “tossinfezione alimentari”. Per il termine minimo di conservazione è tutta un'altra faccenda. È una data che dà l'indicazione entro cui il prodotto che noi abbiamo di fronte conserva tutte le caratteristiche organolettiche del prodotto stesso. E quindi è un parametro di qualità che di sicurezza. “Da consumarsi preferibilmente entro” può essere consumato, questo prodotto, anche oltre l’11 marzo. Ovviamente è sempre buona norma non andare eccessivamente oltre, comunque, le date indicate in etichetta. Quanto si possa andare oltre alle date indicate in etichetta, se lo sono chiesti all'Università di Torino, dove grazie a questo strumento, che si chiama “naso elettronico” e ad altre analisi chimiche e sensoriali, hanno verificato lo stato di conservazione di vari cibi confezionati. La gran parte dei prodotti giungono alla fase, diciamo, di scadenza con uno stato di conservazione, assolutamente buono e paragonabile a quello di partenza. L'unico prodotto che cambia in maniera significativa è il prosciutto cotto cubettato perché è il più umido ed elaborato dalla cottura prima e dalle lame che lo hanno tagliato poi. Non ci sono rischi, diciamo, per la salute, crescono batteri lattici che portano a una acidificazione del prodotto che quindi diventa meno gradevole. Insomma cambia il sapore e perciò il professore consiglia di consumarlo il prima possibile e non oltre la data indicata sulla confezione. Ma gli altri prodotti, quanto durano una volta scaduti? Questo diciamo, 2-3 giorni. 2-3 giorni. Lo yogurt, direi che tranquillamente può superare di 15 giorni il tempo consigliato di consumo, senza subire alterazioni rilevanti, un latte pastorizzato direi una settimana, non di più e il latte a lunga conservazione, tranquillamente anche 30 giorni.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.