Vaccini, aumenta disponibilità a vaccinarsi immediatamente

05 feb 2021

Il mondo ha più fiducia nel vaccino, a dirlo è un sondaggio dell'istituto Global Health Innovation dell'Imperial College di Londra in collaborazione con YouGov e a confermarlo in Italia è una ricerca Ipsos, secondo la quale registra una crescente adesione, il 51% degli italiani, il 13% in più rispetto a novembre 2020, è disponibile a vaccinarsi il prima possibile, il 10% era il 14 a inizio campagna continua invece a essere assolutamente contrario. A livello globale è lo studio britannico a raccontare che tra gli intervistati di 15 diversi paesi, oltre la metà, il 54% è favorevole a farsi inoculare immediatamente la dose, era il 41 lo scorso novembre, i più fiduciosi sono i britannici arrivati al 70% di consenso, era al 41 solo 3 mesi fa, poi Danimarca e i Paesi Bassi, l'Italia si piazza al sesto posto, pronto a vaccinarsi il prima possibile il 44% degli intervistati, lo scorso novembre era il 31%, Francia è fanalino di coda nella classifica tra i paesi in cui la fiducia è aumentata, ma, seppur la più scettica, ha visto comunque raddoppiare la percentuale dal 15 al 30. Ma c'è anche chi ha cambiato idea in peggio, Australia, Corea del Sud, Singapore e Giappone, dove solo il 16%, secondo il sondaggio, è disposto e contento di ricevere subito la dose contro il coronavirus. In calo infine la preoccupazione per gli effetti collaterali è della stessa Aifa, a confermare che oltre il 92% delle reazioni sono riferite a eventi non gravi.

pubblicità
pubblicità