Vaccino, al via sperimentazione nuovo siero italiano

28 feb 2021

Si chiama Covid Evax, è un vaccino tutto italiano. Il 1° marzo verrà inoculato al primo paziente sentinella negli ambulatori del centro di sperimentazione di fase uno dell'ospedale San Gerardo di Monza. Parte così la prima attesa fase della sperimentazione, che sarà condotto su 80 volontari in totale anche allo Spallanzani e al Pascale del siero ideato da Takis e sviluppato in collaborazione con la Rottapharm Biotech di Monza. A differenza degli altri già in commercio questo vaccino utilizza una tecnologia basata sul DNA. Il DNA, a differenza dell'Rna, è una molecola che ha degli importanti vantaggi. Primo vantaggio è il fatto che è una molecola stabile a temperstura ambiente e può essere liofilizzato, quindi può essere facilmente trasportato. La seconda caratteristica è che ad essere onesti, come anche l'Rna può essere modificato molto velocemente. Anche questo siero viene inoculato attraverso un'iniezione, ma si avvale di una particolare procedura di elettroporazione, ovvero piccoli impulsi elettrici emessi da questo macchinario. viene fatta prima l'iniezione del DNA. Immediatamente dopo, c'è questa brevissima scossa elettrica che appunto consente al DNA rientrare all'interno delle fibre muscolari, di esprimere e di indurre una risposta immunitaria. In autunno potrà partirà la fase 3 della sperimentazione. A inizio 2022, almeno in teoria, potrebbe arrivare la richiesta di autorizzazione alle agenzie regolatorie. Sarebbe già stato individuato anche uno stabilimento ad Anagni convertibile in in 10 mesi per la produzione su larga scala del vaccino. Resta però al momento il nodo dei finanziamenti.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast