Vaccino antinfluenzale raccomandato ma dosi scarse

30 set 2020

Raccomandato mai come quest'anno da tutti e per tutti a prescindere dalla fascia di età e dallo stato di salute. Meglio non prendere l'influenza, spiegano gli esperti, per non sovrapporsi al Covid e per non affollare gli studi medici, per evitare la pressione sul pronto soccorso e ospedale. I sintomi sono simili, difficili da distinguere senza un tampone. Per le cosiddette categorie a rischio il vaccino è gratuito e richiesto dal medico di famiglia o dal pediatra e viene effettuato nei centri medici, anche se quest'anno gli spazi potrebbero non essere sufficienti. Si tratta dei malati cronici e degli anziani over 65, anche se quest'anno è raccomandato a partire dai 60 anni e ai bambini dai 6 mesi ai 6 anni. Fortemente raccomandato per il personale sanitario tutto e le donne in gravidanza. Per gli altri da 6 a 60 anni senza fattori di rischio l'unica strada per acquistare il vaccino è in farmacia. Le regioni hanno ordinato il 43% di dosi in più rispetto allo scorso anno, che serviranno per coprire le fasce più a rischio e così a pagamento per chi non rientra in quelle categorie ci sarà meno del 2% delle dosi prenotate. Secondo calcoli della Fondazione Gimbe solo un italiano su tre potrà vaccinarsi e la copertura anche tra le fasce a rischio potrebbe non raggiungere il 75%. La situazione varia a seconda della regione, ma chi non fa parte di quelle categorie potrebbe restare scoperto.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.