Argelato di Bologna, over 80 a teatro per vaccino

07 apr 2021

Chiuso dalla pandemia, riapre il teatro per l'allestimento più importante: il Centro Vaccinale. Ingresso su prenotazione riservato a chi ha più di 80 anni. "Si deve vaccinare?", "Sì", "Aveva l'appuntamento alle ore 12:50. Siamo in perfetto orario. Adesso si può accomandare, per signore". Scenografia essenziale per la postazione medica in platea. "Che tipo di vaccino mi fa?", "Pfizer". Argelato, meno di 10 mila abitanti, in provincia di Bologna. Qui, Comune e Azienda Sanitaria, con l'aiuto dei volontari, hanno deciso di aprire temporaneamente un Centro per la somministrazione dei vaccini. In paese non c'era. "Le anziane del nostro territorio, che hanno problemi di mobilità e quindi è molto più comodo venire qui, persone over 80, possono venire da sole e senza bisogno dei figli che le possono accompagnare", "Il teatro sicuramente, perché permette tutta una norma di sicurezza, si può entrare da una parte e uscire dall'altra. È comunque un punto in più per andare avanti con questa vaccinazione", "Facciamo tre giornate piene da 120 vaccinazioni al giorno, dalle 8.00 della mattina alle 7.00 di sera. Gli anziani con più di 80 anni ad Argelato sono circa 740, 500 sono già stati vaccinati". In Emilia Romagna, quasi un milione le somministrazioni, un sollievo dopo mesi di paura. Ora, ci racconta questo pensionato, posso tornare a fare ciò che preferisco: il nonno. "É un dovere perché serve per te e serve per gli altri, in particolare i parenti di casa. Mia moglie è vaccinata anche lei, perché è nonna anche lei". "Appena fatto! Come si sente?", "Come sono entrato, come prima", "Il pensiero che potessi prendere il Covid, così adesso mi sono vaccinato e sono più tranquillo, ecco", "La libertà di poter andare in giro, di poter muovermi".

pubblicità
pubblicità