Vaccino, l'idea del passaporto piace al Turismo

30 dic 2020

Un lasciapassare per la vita sociale, la patente di immunità che certifica l'avvenuta vaccinazione per il covid 19 piace alle regioni, che sperano di poter rilanciare settori cruciali come il turismo e grandi eventi, sia quelli sportivi, sia quelli musicali, ad esempio il Firenze Rocks, uno dei più grandi festival europei 180000 presenze ad ogni edizione, 35 milioni di euro il suo valore per la città. Una volta che siamo vaccinati si può tornare a vedere un concerto, esattamente come lo abbiamo visto fino a un anno e mezzo fa. La Moveris è una società di servizi turistici tutta al femminile, con una particolare specializzazione verso le disabilità. Già arrivano in Italia con un insieme di certificazioni che servono a loro per mostrare le tipologie di problematiche che hanno e a noi per offrire dei servizi specializzati. Aggiungere anche un tassello che dice che hanno anche la vaccinazione al covid, potrebbe essere un completamento. É capitato, mio episodio personale, quest'estate di rifiutare dei lavori in una situazione cosi critica proprio perché non sapevo da dove venissero e come fossero arrivate in queste persone in Italia. Certo, per far ripartire il turismo internazionale ci vorrebbe un patentino globale. Ben vengano questi chiamiamoli passaporti sanitari per dare maggiore tranquillità e sicurezza alle persone che sono in viaggio, però, dovremmo vederla più in una forma internazionale.

pubblicità