Vaia: virus con noi, attenuata solo la sua diffusività

03 giu 2020

Il virus ormai è un nostro commensale, il virus è insieme con noi e tutte le curve epidemiche vedono, come dire, un'attenuazione della diffusività più che della carica virale. Siamo in una fase in cui il virus è meno diffuso per le tante cose, per le tante azioni di sanità pubblica e per le cose che abbiamo detto, ma attenzione, ribadiamolo ancora una volta, mai abbassare la guardia. C’è bisogno che la comunità clinico-scientifica, come sta facendo in questo tempo, come dire, adotti e sperimenti sempre nuove terapie, nuove terapie innovative che sono i farmaci antivirali, che sono il plasma e anche gli anticorpi monoclonali che sono, ribadiamolo, una immunità comunque passiva, cioè che si dà alle persone malate per farle guarire. Ma la fine di tutto ciò non potrà che essere il suggello, il vaccino, sul quale sta lavorando alacremente lo Spallanzani. Noi pensiamo che entro fine giugno, massimo agli inizi di luglio… abbiamo già approntato i locali. Ci sarà una sperimentazione, arruolando il cittadino sano che potrà sperimentare e speriamo che entro fine anno, così correndo, così facendo in fretta e magari facendo anche bene… ribadiamolo, vaccino bene comune. Significa che chiunque avrà la fortuna di applicarlo per prima… però questo dovrà diventare un bene universale.

pubblicità

Vuoi vedere altro ?

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.