Variante inglese in Emilia-Romagna oltre il 40%

19 feb 2021

Questo è il sequenziatore NGS con cui si fa il wall genome sequencing del virus, ci dice ogni singolo virus che abbiamo messo dentro come è fatto. Entriamo nel laboratorio unico di Microbiologia di Pieve Sestina a Cesena, il professor Vittorio Sandri, dirige il gruppo di ricercatori che dà la caccia alle mutazioni del virus. In Emilia Romagna la presenza della variante inglese, il 4 e 5 febbraio sui tamponi raccolti a campione da Piacenza a Rimini, è risultata intorno al 28 %. Una settimana più tardi a una seconda rilevazione ha raggiunto il 41%. - ci devono preoccupare questi dati? - Sostanzialmente credo di no. Abbiamo alcune certezze abbastanza robuste riguardo la variante inglese. La prima è che il vaccino resta completamente efficace per i dati che abbiamo a disposizione. La seconda è che siamo perfettamente in grado di identificarle con il metodo diagnostico abbiamo a disposizione. Il terzo dato è che è ipotizzato una maggiore trasmissibilità interumana. Ecco la trasmissibilità interumana di un virus dipende all' 80% dei comportamenti umani, al 20% dal virus. Lo studio è parte dell'indagine nazionale voluta dall'Istituto Superiore di Sanità, -Circa un caso su 5 in Italia è dato dalla variante inglese, vuol dire 20% all'ingrosso. Noi siamo un po' più in alto. Ci sono regioni che sono addirittura più in alto di noi. I risultati descrivono una tendenza: in due mesi la variante inglese potrebbe diventare il virus predominante. La ricerca intanto entra una terza fase. In questo caso prevede invece di identificare tutte le varianti, anche quelle ignote. - Il virus circola più rapidamente, ma resta aperta la valutazione sulla severità della malattia. Quello che hanno visto gli inglesi, che sono forse il paese dove hanno studiato meglio questo fenomeno, hanno avuto un forte aumento di casi, ma non un corrispondente aumento di ricoveri e soprattutto di pazienti che finiscono in terapia intensiva. Questo è quello che succede quando i virus fondamentalmente si adattano bene alla circolazione interumana. - Sta perdendo, possiamo dire, aggressività? - Questo non lo so, però è un'ipotesi su cui bisognerà ragionare.

pubblicità
pubblicità