Vecchiano (Pisa), soldi delle luminarie alle famiglie

22 nov 2020

Se il Natale deve essere sobrio, perché non cominciare proprio dalle spese dell'amministrazione si sono chieste a Vecchiano, comune pisano di 12000 persone, tra i monti e il mare. Tutta la giunta ha deciso che i soldi destinati in bilancio alle luminarie e altre festicciole natalizie, circa 12000 euro, più altri fondi, racimolati con un'autotassazione debbano invece andare alle famiglie in difficoltà sotto forma di buoni spesa. Il comune di Vecchiano redigerà un bando attraverso il quale tutti i cittadini, ovviamente, a partire dai più indigenti parteciperanno. Dopodiché verrà stilata una graduatoria su tutte queste domande e quindi saranno consegnati fisicamente da parte delle associazioni di volontariato i buoni a questi cittadini, che saranno dei pezzi di carta, un po' come se il comune avesse battuto moneta diciamo. L'altro aspetto positivo è che a beneficiare dell'operazione saranno proprio i negozi di vicinato, come la panetteria o il locale famoso per gli aperitivi che adesso non si possono più prendere. Ogni iniziativa è ben accetta, è un momento difficile e credo che dal nostro punto di vista sia importante guardare coloro che sono meno fortunati. C'è anche la pasticceria. Siamo una piccola comunità, se non ci si aiuta in questi momenti non è una comunità. Tornando alle luminarie, si può rimediare così, con un invito alla popolazione sotto forma di filastrocca. Metti una luce dove ti piace, alla finestra o al balcone piccino, all'albero o dentro quel giardino. Così anche se sobrio sarà ancora Natale.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.