Vegan burger, via libera dal Parlamento europeo

23 ott 2020

Di carne o vegetariano, rimane il fatto che si chiama burger. Questo è quanto ha deciso l'Euro Parlamento, visto che nessuno degli emendamenti che intendevano limitare l'uso delle denominazioni di carne sui prodotti di origine animale è stato provato. Scelta che arriva dopo quasi un anno di dibattito tra diverse associazioni, compresa quella degli allevatori da una parte e le grandi multinazionali dell'industria del green food dall'altra. La richiesta è eliminare parole come bistecca salsiccia o scaloppine associate alla carne animale per prodotti che non avessero traccia, cioè la tutela della trasparenza in etichetta per evitare confusione. Ma è possibile confondersi? Vista la decisione del Parlamento Europeo, forse no. Forse è difficile che dopo un giro al supermercato un consumatore torni a casa con le bistecche di soia è convinto d'aver comprato una bistecca vera. Forse basta la dicitura vegetale o vegan per capire, per non parlare delle disposizioni di questi prodotti, di solito molto distanti dagli altri nei supermercati.Nel momento storico in cui l'Europa punta moltissimo sul green e l'eco sostenibile e dove la carne in 3D non è più solo ipotesi, quella che vedete in queste immagini è un alimento alternativo prodotto a Barcellona, sembra una bistecca e il sapore è identico ma si tratta di piselli alghe e barbabietola. Novameat il nome dell'azienda ha in programma di creare nel 2021 un impianto pilota che possa sfornare 50 chili di bistecche vegetali all'ora. Tutto questo permetterebbe di ridurre gli allevamenti e il loro impatto sul clima. Non le polemiche, certo.

pubblicità