Virus, Campania in ordine sparso su scuole: decidono sindaci

16 feb 2021

Tra variante inglese, polemiche e dubbi sul futuro anche la Campania continua a confrontarsi con il tema scuola dopo le ordinanze di chiusura della regione Campania nei mesi scorsi, la decisione del Tar che ha riaperto invece tutte le scuole. Adesso l'ente regionale invia a tutti i Sindaci e prefetti i dati epidemiologici. Sulla base di questi dati, molti primi cittadini investiti dalla responsabilità decidono di chiudere le scuole. Siamo a Somma Vesuviana, dove l'indice di contagio, diventato più alto della media campana nei giorni scorsi, ha indotto il sindaco a chiudere le scuole. Una scelta molto, ma molto sofferta, rispetto alla popolazione scolastica in quanto da gennaio abbiamo subito riaperto tutte le scuole finché però ci arriva dopo questa batosta da parte della Regione. Abbiamo fatto anche un'altra cosa, abbiamo istituito sul nostro territorio un'unità di crisi fatta da tutta la platea scolastica, nel senso dei dirigenti scolastici, medici di base, medici pediatrici e abbiamo deciso insieme tutte le mosse da fare. Arduo il compito del comune di Napoli, con centinaia di scuole da monitorare. L'assessore all'istruzione chiede dati disaggregati sulle scuole e ha molti dubbi sull'utilità di chiusure generalizzate. Una città così vasta con una disseminazione così vasta di plessi scolastici, abbiamo bisogno di ulteriore dettaglio che deve passare per due cose. Prima di tutto per una correlazione con le diverse fasce anagrafiche, perché dire la scuola è un po' generico, la scuola va da 0 a 18 anni e poi, naturalmente, oltre al dettaglio, diciamo, prettamente anagrafico ci interessa il dettaglio territoriale. Questo dato lo attendiamo. Se non arriva io comunque nel frattempo già ne faccio richiesta alle scuole. Un conto è dire chiudiamo tutte le scuole, fermiamo le attività scolastiche, fermiamo anche tutte le altre fonti di contagio. Un conto è dire chiudiamo le scuole punto, perché così come mi è capitato di dire si rischia di farle diventare il caprio espiatorio.

pubblicità
pubblicità