Virus, il giudice: la figlia disinformata deve vaccinarsi

29 nov 2021

Sia papà che mamma, spiega una quattordicenne ai giudici, mi hanno chiesto cosa volessi fare. Io ho sentito in tv e visto su internet che è un vaccino nuovo e che anche se molto bassa c'è una possibilità di effetti collaterali. Vorrei aspettare ancora un po'. Risposta dei giudici ai genitori, informate vostra figlia attraverso personale sanitario specializzato dell'opportunità di procedere alla vaccinazione per tutelare la sua salute, al fine di tranquillizzare la minore ma senza subordinare la vaccinazione al suo consenso. Come dire vaccinatela comunque. Così la sezione famiglia del tribunale civile di Milano interviene per dirimere una diatriba tra due genitori separati. La figlia minore non vuole vaccinarsi. Il padre è per il vaccino, la madre no. Il tribunale, interpellato dai servizi sociali di un comune dell'hinterland milanese che non se la sentono di prendere una decisione così delicata, da ragione al padre. E non è questo che è destinato a far discutere, quanto la motivazione. I giudici sono ben consapevoli di non conformarsi alla volontà di non vaccinarsi espressa dalla ragazza e spiegano la decisione con la stretta correlazione, scrivono, con la volontà della madre contraria alla vaccinazione con posizioni aprioristiche che trascurano del tutto gli approdi della scienza internazionale. Si ritiene, proseguono i giudici, che la ragazza non abbia avuto un'adeguata informazione e che pertanto non possa esprimere un consenso o dissenso veramente informato. Indipendentemente da come la si possa pensare sui vaccini, chi decide se una minorenne è informata o no? Evidentemente un giudice.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast