Virus, in Alto Adige 20 comuni in zona rossa fino al 7/12

24 nov 2021

"Avevamo già i dipendenti che sono già arrivati da lontano e abbiamo così deciso di aprire comunque, anche se non pensiamo che ci porti niente di che" "Alle 18 si chiude" "Alle 18 si chiude. Di solito noi apriamo le 16:30". Alle 18 luci spente e serrande abbassate. Qualcuno si lamenta, altri allargano le braccia. Non resta che adeguarsi alle nuove disposizioni. Per i residenti e soprattutto gli esercenti di Ortisei, località ad altissima vocazione turistica, l'ordinanza con la quale il Presidente della Provincia Autonoma di Bolzano Kompatscher, ha messo 20 comuni dell'Alto Adige in zona rossa, ha avuto l'effetto di una doccia fredda, nei giorni più delicati dell'anno, quelli durante i quali tutta la Val Gardena si prepara all'apertura della stagione invernale. Da mercoledì 24 novembre al 7 dicembre, mascherine obbligatorie e capienza limitata per negozi, bar e ristoranti che potranno servire solo fino alle 18. E dalle 20 di sera alle 5 di mattina tutti in casa, ogni spostamento all'interno e all'esterno dell'area comunale è vietato se non per motivi di lavoro o altre urgenze. "Stasera alle 8 tutti a casa?" "Si si tutti a casa a guardare la televisione". "Speriamo bene, che si riapra tutto e comunque dai". Un salto nel passato. Tutto esattamente come un anno fa. Inevitabile per fermare l'aumento dei contagi e salvare la stagione turistica invernale. Dei comuni in zona rossa, tutti i parametri individuati dall'azienda sanitaria altoatesina, sono stati sforati, meno del 70% della popolazione è vaccinato. "Sono vaccinato, ho già fatto il terzo vaccino e purtroppo non tutti sono vaccinati". "In tanti non sono vaccinati da queste parti?" "Si, si sente di sì".

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast