Virus, in Sicilia primo progetto italiano biocontenimento

03 apr 2020

Lezioni teoriche, simulazioni ed esercitazioni con test finali per formare i soggetti coinvolti nella gestione di un emergenza sanitaria. Parte dalla Sicilia il primo progetto sulle procedure di biocontenimento in Italia. I cicli formativi vengono ripetuti periodicamente per aggiornare i livelli di preparazione di personale medico e forze dell'ordine. L'idea nasce in una terra di frontiera per anni alle prese con un imponente fenomeno migratorio. Questo progetto parte dal 2016, nel momento in cui la Sicilia era il front office dinanzi al grande tema dell'immigrazione. E lì si pose il problema della sicurezza sanitaria. Allora, grazie al Ministero, grazie all'Assessorato alla Salute, grazie anche a due ASP che sono individuate e forse anche grazie a quello che è l'Istituto dell'Ordine dei Medici, si è pensato di cominciare a ragionare per cominciare a prepararci dinanzi a una possibile epidemia. La Sicilia si può dire che è pronta, quello che mancano sono i dispositivi di sicurezza. Noi sappiamo e lo sanno tutti, lo sanno anche i nostri decisori politici che, in base a quello che è il tema della globalizzazione, sono state indicate alcune regioni del nostro globo esattamente la Cina, l'India e la Corea a fabbricare questi dispositivi. Quindi oggi tutto il mondo si trova impreparato perché la cosiddetta delocalizzazione, frutto della globalizzazione, ha creato questo disastro. Noi abbiamo perso in casa nostra l'attività produttiva destinandolola fuori. Quest'esperienza, ricorda il Presidente dell'Ordine dei Medici di Palermo Toti Amato, insegnerà che settori come la sanità richiedono investimenti non tagli e che occorre ripensare le politiche economiche attuali. Probabilmente bisognerà pensare a investire pià che a risparmiare. È necessario comunque prepararsi perché una nuova emergenza, una volta risolta questa, potrebbe verificarsi? C'è da fare una riflessione: noi ci stiamo scoprendo re nudi. Conviene adesso non essere più re, forse principi, ma vestiti. Quindi prepariamoci, cominciamo a rivedere le nostre politiche e non solo quelle sanitarie, ma anche quelle della finanza, quelle economiche e passare dalle idee ai fatti.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.