Virus, rimpatriati bangladesi su volo Qatar

08 lug 2020

Ha paura del Covid? Un po' sì, questa volta è una situazione un po' particolare, soprattutto con la bambina. Il Coronavirus esiste e noi dobbiamo conviverci. Rispettiamo queste regole, tutti con le mascherine, la distanza, il gel. Che devo fare. Lo scalo di Fiumicino pian piano si riattiva con 220 voli giornalieri è ancora lontano dai volumi di traffico consueti, ma con il crescere dell'affluenza, soprattutto in arrivo, cresce l'allarme di sicurezza in tema Covid. Lunedì su un aereo speciale da Dhaka organizzato per riportare in Italia bangladesi che risiedono e lavorano qui, su 270 persone ben 36 erano positive, una su 8. In proiezione nelle ultime settimane potrebbero dunque essere arrivati in Italia almeno 600 contagiati che ora circolano liberamente. Il Ministro Speranza ha sospeso i viaggi da Dhaka per una settimana, in attesa di ulteriori misure, ma già oggi altri 135 bengalesi hanno volato fin qui partendo dal Qatar. Abbiamo bloccato questo aereo. Sono stati fatti scendere soltanto coloro che erano partiti direttamente dal Qatar. Tutti gli altri passeggeri che erano partiti dal Bangladesh per andare in Qatar e per venire qui sono fermi. C'è un respingimento di polizia per motivo di sanità pubblica. I passeggeri che sono stati fatti scendere perché erano partiti dal Qatar, quindi non provenivano dal Bangladesh, sono ora tutti fermi lì, in attesa di fare il tampone. Se ci dovesse essere qualche caso positivo, provvederemo tramite il Ministero della Salute ad informare tutte le persone che erano contatti stretti. C'è dunque il problema dei voli spezzati come questo e poi quello dei controlli in partenza. Molti dei viaggiatori di lunedì avevano la febbre, che quindi non era stata misurata all'imbarco, e infine c'è la questione quarantena. Per chi arriva da paesi extra Ue ed extra Schengen, vige ancora all'obbligo di isolamento volontario per 14 giorni. Una quarantena cioè su base fiduciaria e spesso da trascorrere in promiscuità in case affollate in cui si divide l'affitto. Chi verifica, dunque, che l'obbligo sia rispettato?.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.