Allerta coronavirus rallenta la produzione in Asia

14 feb 2020

La locomotiva d'Europa frena e se l'economia tedesca si impantana non è buona notizia per nessuno, Italia compresa. La Germania è il primo acquirente dei nostri prodotti, oltre il 12% delle esportazioni italiane finisce nel cuore del vecchio continente. Se la crescita nell'ultimo scorcio dell'anno scorso è rimasta al palo come certifica l'Ufficio di statistica federale, all'orizzonte c'è l'ombra della recessione. L'andamento altalenante del prodotto interno lordo, che comunque ha chiuso il 2019 in positivo, è stato condizionato dal cattivo momento che vive l'industria tedesca. Il calo degli ordini registrato a dicembre, che indica il ritmo di produzione per i prossimi mesi, non fa ben sperare, soprattutto se si tiene conto che non era ancora scoppiata l'emergenza per il coronavirus cinese. L'epidemia sta rallentando fabbriche e consumi in Estremo Oriente, la forte dipendenza dell'Europa dal Paese del Dragone, primo esportatore al mondo, avrà ripercussioni sul vecchio continente ancora difficili da stimare. La Commissione europea, così come il nostro Ministero del Tesoro, ritiene che l'impatto negativo riguarderà i primi mesi di quest'anno, ma in realtà tutto dipende da quanto l'emergenza, col suo drammatico computo di contagi e vittime, durerà. Per questo le istituzioni, come quelle europee, non azzardano previsioni dettagliate in un quadro in cui già l’eurozona viaggia al lumicino. La frenata però potrebbe pesare maggiormente sulle economie più deboli, come quella italiana, che secondo le ultime stime di Bruxelles risulta ultima in Europa per crescita e che ha archiviato l'ultimo trimestre del 2019 in negativo. Si scommette su questi primi mesi dell'anno, ma Confindustria si aspetta una sostanziale stagnazione aggravata, si sottolinea, dall'incertezza per gli effetti dell'emergenza sanitaria, emergenza che rischia di rallentare il nostro export, l'anno scorso in rialzo, ma un passo inferiore rispetto al passato e in flessione verso Cina e Germania.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.