Allerta virus, governo: aiuti a famiglie e imprese

27 feb 2020

Quanto peserà l'epidemia di coronavirus sull'economia italiana? Per il Ministro del Tesoro, Roberto Gualtieri, in questo momento è impossibile fare stime precise, dipende dall'efficacia delle misure sanitarie e dagli interventi che farà il Governo. Interventi che nelle prossime ore saranno approvati con un decreto, un altro è atteso per la prossima settimana, per venire in soccorso ai settori che stanno soffrendo di più, turismo, commercio industria e agricoltura. Dopo la sospensione del versamento dei tributi nella zona rossa, sono previsti 50 milioni di euro in aiuti alle piccole e medie imprese in difficoltà. Altri 350 milioni saranno destinati a sostenere le esportazioni. Sussidi anche ai lavoratori per garantire i salari con un'estensione della cassa integrazione e, ha aggiunto Gualtieri, la mano di Palazzo Chigi non riguarderà solo gli 11 comuni epicentro del focolaio. Molti Stati esteri sconsigliano i viaggi in Italia. Crollano le prenotazioni e sono state rinviate molte fiere. Per il turismo si stima una perdita di oltre due miliardi e mezzo. Conto salato per i negozianti, dai bar ai ristoranti, si temono contraccolpi per la moda e il made in Italy in genere. E poi c'è l'industria, le restrizioni applicate stanno costringendo le fabbriche a marciare a ritmo lento. C'è da considerare anche che le regioni più colpite sono quelle che producono più ricchezza nel nostro Paese. Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, valgono il 40% del prodotto interno lordo nazionale. Insomma, il rischio di una recessione si fa più concreto, anche perché la nostra economia era già in difficoltà prima del coronavirus e le prospettive deboli, per l'intero 2020, non fanno ben sperare. Non è solo l'Italia in cattive acque, l'infezione rischia di frenare l'economia mondiale, ma noi abbiamo anche un debito pubblico enorme e quindi un problema di sostenibilità dei conti pubblici. Ma Gualtieri assicura che un evento eccezionale come il coronavirus permette di avere maggior margine di spesa dall'Europa, che probabilmente ci concederà.

pubblicità