Atlantia, no alla manleva per CdP, Governo minaccia revoca

30 set 2020

Manleva, uno di quei termini giuridici un po' ostici che all'improvviso finiscono al centro del dibattito politico. Che cos'è e come funziona, in soldoni, che qui ne ballano tanti, è un accordo con cui primo soggetto si obbliga a tenere indenne il secondo da pretese avanzate da terzi per un evento passato, precedente l'accordo. Pratica diffusa, specie nei contratti aziendali, chi vende mantiene su di sé la responsabilità per determinati eventi, ben specificati nel contratto. Ed è qui quasi tutto il nodo per la cessione di Autostrade. In una lettera inviata al Governo, Atlantia, conferma infatti la volontà di cedere Aspi a Cassa Depositi e Prestiti, come da accordi a tre di metà luglio, ma bolla come inaccettabile l'inserimento di una clausola di manleva a favore dell'acquirente. Tradotto, la holding dei Benetton non ci sta a mantenere su di sé la responsabilità civile e amministrativa per il crollo del ponte Morandi di Genova, avvenuta sotto la sua gestione nell'agosto 2018. Insomma, se si vende, si vende tutto, onori e oneri. Manleva nodo fondamentale, ma non l'unico. Tariffe, investimenti, debiti sono altri capitoli delicati di una trattativa faticosa vissuta sotto la spada di Damocle della minaccia di revoca della concessione. Senza passi avanti sostanziali, il Governo sembra intenzionato a rimettere sul tavolo la soluzione estrema, con affidamento temporaneo di 3 mila chilometri di rete ad Anas o un commissario di Aspi. Appuntamento, forse, già al Consiglio dei Ministri del fine settimana, a borse chiuse.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast